Minolta x700

Ci risiamo, dalla Francia ecco un’altra piccolina.

Rispetto alla Canon e’ piu’ leggera, un po’ piu’ elettronica, basti solo pensare al pulsante che non deve fare la mezza corsa per attivare l’esposimetro, e’ sufficiente sfiorarlo per attivare il funzionamento.

Sta piccolina e’ arrivata bella sozza. Polvere sullo specchio, su entrambi i lati dello schermo di messa a fuoco, polvere e detriti un po’ ovunque. Una delle batterie ha un principio di perdita di acido, fortunatamente non tanto da compromettere il funzionamento dell’apparecchio, ma sintomo di una cura non proprio maniacale.

Preso un set di batterie, primo colpo apoplettico…. non si accende. Minchia, seconda macchina e gia’ preso una sola? da un Francese, poi? Invece no, falso contatto tra le batterie. Un set di invettive, un pò di prove e scatta che e’ un piacere.

Il suono, si, il suono: Piu’ morbido, con il ritorno meno lamentoso della Canon A1.

Ha! Ah il 50; cercavo il 50 e ho ottenuto il 50…. finalmente.

Se guardo le valutazioni, vale di più la Canon, che magari e’ anche più anzianotta come sistema. Questa e’ sicuramente piu’ leggera, meno metallo evidente, pero’ pratica e senza troppi fronzoli. Sulla Canon ancora devo capire a cosa servono tutti quei tasti.

Periodo di produzione: dal 1981 al 1999

Riferimenti:

https://it.wikipedia.org/wiki/Minolta_X-700

http://www.italianfilmphotography.it/minolta-x700/

Autore: mauro

mai nato, sicuramente morto, odia i messaggi vocali, sta tornando analogico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *