Nascosto

Ogni volta che lo dico, mi pigliano tutti per scemo. Probabilmente é perché sono un po’ scemo, ma non riesco a togliermi dalla testa questa idea: Il Tevere, più che un fiume e’ visto come un fosso.

Nascosto, abbandonato, sporco, discarica, fogna, puzza, topi grossi come cani, sono i primi pensieri che mi vengono in mente.

Per vedere il Tevere devi affacciarti, devi cercare i pochi punti dove ci si puo’ avvicinare. Se sei fortunato e anche un po’ cecato non noti le tonnellate di monnezza che ne costellano le frasche ai bordi.

Se decidi di scendere sulle sue rive, tolti i toponi che ti vengono incontro per darti il benvenuto, la prima cosa che noti’ sono le bici abbandonate, qualche frigorifero che scende a valle, e una sensazione triste di abbandono che non ti lascia.

Unici punti interessanti, Ponte Milvio e l’isola Tiberina. Ma per il resto, l’esperienza non e’ delle migliori.

Sul lungo fiume pochissime attività, solo d’estate si popola, ma per il resto dell’anno, niet, un mondo chiuso.

E’ nascosto, si vede poco, é poco presente nei discorsi delle persone. Vero che i grandi muraglioni che aiutano a nasconderlo, furono costruiti proprio per difendere la città dalle frequenti alluvioni che il fiume causava, ma non so se solo a causa di questo il Tevere e’ divenuto solo una cloaca che porta gli scarichi a mare, per la gioia di chi poi, in spiaggia se li trova davanti.

La gente attraversa veloce i ponti, chiusa nelle proprio autovetture, magari considerando il fiume solo l’ennesimo ostacolo al proprio caos quotidiano. Qualcuno prova a fare jogging lungo le piste ciclabile quando disponibili e transitabili, qualche bicicletta si avventura…

Raramente ne senti parlare se non quando qualcuno lo riporta in voga lanciandosi in acqua alla ricerca di un suicidio dove non si capisce se la morte ti colpisce prima per esserti affogato o perché hai mandato giù un’acqua talmente infetta che per mesi sei luminescente.

Non lo so.

 

Autore: mauro

mai nato, sicuramente morto, odia i messaggi vocali, sta tornando analogico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *