Alessandra

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Blog, fotografia, vintage

Ok, ci siamo riusciti. Quello che dicevo tempo addietro, ovvero la difficoltà di fermare una persona, presentarsi, chiederle se gli si può scattare una foto, questa volta è stata decisamente messa da parte.

Lei, una splendida e sorridente ragazza vista in un ristorante di zona.

Io, il solito rozzo sistemista, senza neanche la digitale appresso, solo la Minolta con su caricata una pellicola in bianco e nero.

C’ho dovuto pensare parecchio, ho dovuto scavare e cercare in tutti i cassetti per trovare modo e maniera di superare il metro di distanza che ci divideva.

E l’ho ammesso. Ho ammesso a Lei la mia difficoltà, ormai più leggera, nel trovare la chiave giusta per parlare a una sconosciuta e chiederle di poter scattare un’immagine.

Sono nel contempo felice e onorato. Felice di aver superato un altro passaggio, onorato di aver trovato in Alessandra, un soggetto splendido da riprendere.

Ora parliamo dell’immagine: scattata con una Ilford 400 e la fida Minolta, ora dobbiamo attendere lo sviluppo, digitalizzazione sperando che sia venuta bene. Me lo auguro proprio. Confido!

Intanto abbiamo piazzato il PlaceHolder.

 

 

Ti adoro quando scrivi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, pensieri

Quando scrivo cosi’, significa che sono totalmente immerso nel pensiero che sto’ descrivendo.

Talmente immerso che lo sento sulla pelle, ne percepisco l’odore, le sfumature di luce.

Nel frattempo le dita si rincorrono per cercare di stare dietro ai pensieri, cercando di fare meno errori possibili che altrimenti devono fare più fatica per riprendere il filo del discorso.

E gli occhi che guardano le parole e corrono a immagini collegate che si snocciolano davanti, come un film, circondato da tutto un film, unico momentaneo spettatore di quello che passano nella sala cinema della mia capoccia.