Pasolini

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia

Sta diventando un mantra, un pensiero fisso.

Non tanto per quello che è accaduto, ma per tutto quello che rappresenta. Non lo so, qualcosa mi attira, mi chiede di proseguire e capire.

C’e’ tanto da leggere e studiare. Un mondo infinito. Sono partito alla lontana da un romanzo che basa la sua storia proprio dalla parte finale della storia vera, ovvero dalla morte.

Per sentire qualche cosa, prima tappa, l’Idroscalo e il parco a lui dedicato.

Ora voglio saperne un po’ di più. Prima di tutto voglio qualcosa che racconti la sua vita, poi passiamo ai suoi libri. Sarà lunga, perché Pasolini non era un tipo tranquillo. Odiato da una parte della politica che forse non è del tutto estranea dalla sua morte e inviso a parecchie persone a cui lui ha pestato i piedi con la sua schiettezza e chiarezza di pensiero.

“Inviso”, cacchio che termine mi è venuto in mente. Un un po’ arcaico, ma chiaro e limpido come il sole.