6 aprile 2009

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, in giro

A ricordo di quei ragazzi.

Nel 2014 un evento di StreetArt fu organizzato proprio nella città devastata dal terremoto del 2009 .

ReActo Fest. Artisti famosi si ritrovarono a esprimersi per mantenere vivo il fuoco sulla città.

Quest’immagine, l’ultima che vidi, prima di lasciare la città, si trovava a pochissimi metri da ciò che restava della casa dello studente.

Prima volta

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, pensieri

Prima volta di sera.

Prima cena, una pizza e prima Coca-Cola. Niente alcool, ho la mente occupata da un desiderio.

Prima doccia. La cipolla gigante non viene valorizzata da abbastanza pressione. Segna per sabato: aumentare la pressione dell’impianto, prime regolazioni.

Primo lavaggio dentiera.

Prima pipì.

Sarà anche la prima volta che ci dormiamo. Prima notte. Primo desiderio in questa prima notte. Vediamo pure quanto di questa prima notte la passerò contando le pecore, poi gli orsetti lavatori, infine draghi e pipistrelli.

Prima TV. Neanche la sto guardando, preferisco scrivere e pensare. Sto sbragato sul divano, prima volta davanti questa finestra.

Prima volta che scrivo qualcosa sul blog mentre sono seduto dentro la nostra nuova casa. Nella mente, lo stesso desiderio.

Prima volta per i nani, spaesati in questo nuovo mondo .

Tutto ‘prima’, o quasi.

Finalmente a casa. Sono anni che siamo sbattuti in giro. Ora ci fermiamo, almeno fino a che il prato sarà cresciuto e fiorito.

In giro

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, in giro

Non mi capita spesso. Anzi, mi capita raramente, essere in giro durante le normali ore di lavoro e non per impegni professionali. Di solito sono chiuso in un ufficio, senza vedere la luce, con le grate alle finestre, eppure non sono in prigione, non ho commesso nessun crimine.

Stamattina, viste che ho fatto ore lupine e altrettanto ho lavorato mattina presto, ho deciso di andare in ufficio a orari differenziali. Diciamo che me la sono presa comoda.

E ovviamente, con me, una delle macchine.