Il grande saggio

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, in giro, pellicola, pensieri

Un giorno passai di là. Non ricordo nemmeno perché. Passavo di là e basta. E’ una zona che amo profondamente e da cui, forze superiori, mi sono allontanato ma non troppo.

Il grande saggio mi guardò da lontano. No so, ma ebbi la percezione che un sorriso si era formato sulla sua corteccia, me ne sentii attratto.

D’un tratto una voce mi chiamò. Credo che fosse una voce, ma non riuscivo a percepirla come tale attraverso i sensi esterni. Era nella mia testa, tra i miei pensieri. Chiamava il mio nome. La voce veniva dal nulla, sembravano le foglie a formare le lettere del mio nome.

Mi fece avvicinare. Intorno nessun suono, un silenzio irreale. Anche la luce si era messa da parte. Lui doveva parlare con me.

Mi sentivo osservato, studiato, analizzato. Intimorito.

Mi disse delle cose, cose molto personali. Non le ho mai dette ad anima viva.

Poi mi mandò a quel paese.

So solo che ogni anno, ogni volta che ne sento il bisogno, torno da lui a chiedere consiglio. Lui è li, pronto a darmi la sua esperienza, pronto a passarmi un pizzico di conoscenza universale che a me manca.

L’ho rivisto poco tempo fa. Maestoso, come al solito, sicuro e certo nelle sue affermazioni.Bellissimo nel suo mondo. Vive in questa dimensione e in infinite altre dimensioni. E’ pura esistenza. pura energia.

Ha un modo tutto suo per comunicare. Le parole non attraversano l’aria. Sono pura emanazione di pensiero che sgorga direttamente nella testa. Ogni concetto pesato, preciso, perfetto, assoluto.

Ascoltarlo è come sedere a un concerto di mille strumenti. Tutti perfettamente pesati e allineati. Melodie che si moltiplicano e si susseguono.

Era lì da molto prima che io nascessi. Resterà pure dopo che me ne sarò andato. Ci osserva, ci guida, ci consiglia. Troppo spesso siamo noi che abbiamo perso la capacità di ascoltare questo tipo di musica.

Rocca Priora

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in fotografia, in giro, pellicola

E non si può. Così non si fa, signora Rosa. Tocca mantenere l’allenamento.

Assolti i doveri ufficiali, che nel nostro caso in quel particolare dì di luglio erano : piglia mamma, falle fare una visita, riportala, ripigliala, pensa ai documenti, insomma, trottola per lavoro e trottola in privato, pensiamo un attimo alla pancia e all’otturatore.

Non ho mai perso tempo in giro per Rocca Priora. Vista mille volte di striscio, riesco perfino a confonderla con Monte Compatri .

Questa volta, finiti i compiti, un giretto me lo sono concesso.

Vi presento Rocca Priora a modo mio. Come al solito.