Giorno Cinque

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in fotografia, in giro, pellicola, pensieri

Oggi vi metto un po’ di foto. Sono quelle che ho sviluppato ieri. Momenti di vita subito prima di finire in clausura. Strade vuote, file fuori dal supermercato, negozi chiusi, Oggi è domenica. Prima domenica di quarantena. A dire il vero non mi è pesata molto, tutt’altro. Mattina al lavoro e pomeriggio fuori in giardino con annesso canto corale con i vicini. Ormai è moda. Come commenta uno dei miei colleghi, gente che fino a ieri si sarebbe presa a coltellate, oggi unita a cantare. Domani, quando questa storia sarà finita, chissà cosa farà. Una giornata che avrebbe imposto una […]

Ci lasci l’anima

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Blog, fotografia, pellicola

Non è proprio del tutto vero che quando scatti riprendi quello che entra nell’obbiettivo. No, non funziona così. Se vogliamo parlare di obbiettivo, o meglio, dove è puntato questo obbiettivo, allora parliamo di anima. Ogni volta che scatti, riprendi la tua anima, non il soggetto che hai davanti. E più passa il tempo, più mi rendo conto che è così. Tanto più la foto si allontana dallo stereotipo della perfezione da cassetta tanto più avvicina lo spirito all’occhio. Mi dispiace per i puristi e per i ricercatori dell’assoluta perfezione che consumano anni nel tentativo di trovare il punto perfetto. Non […]

Aria e Andrea

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, in giro, pellicola

La bellezza passa per un sorriso o per un’energia incontenibile. Sono passati solo pochi giorni, altri due meravigliosi incontri si aggiungo alla galleria. Eccoli: Aria, incontrata a Porta Maggiore dove lavora (ps, in cucina è geniale) e Andrea, beccato mentre urlava al telefono con la sua energia incontenibile, mi ha insegnato come si sistemano i dreadlock… Ne avevo effettivamente bisogno. Chi mi conosce lo sa! Alla fine sono tutti qua… Incontri. Al primo che solleva la domanda, tanto me l’aspetto: si la pellicola è recuperata chissà dove, scaduta secoli fa. Ero quasi sicuro che non ne sarebbe uscito nulla. Poco […]