La signorina Altix è entrata in servizio.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, vintage

Gitarella a Tolfa. Ho voglia di provare la Altix.

Peschiamo nel mucchio e tiriamo fuori una delle pellicole scadute fornite da Martina. Grazie Martina.

Non avevo mai caricato una macchina fotografica passando per il fondello. Pensavo si trattasse  di una cosa più complessa, invece, senza mai aver sperimentato prima, apri la macchina, eviti di tirare i pezzi alle persone intorno, tiri fuori il nottolino, prendi la pellicola, agganci al nottolino, metti tutto dentro, ti accerti che sia in posizione, metti un po’ in tensione, chiudi tutto, carichi e via…. macchina pronta.

Vabbé, qualcosa di tecnologico tocca usarlo: l’esposimetro. La Altix non sa neanche cosa sia l’esposimetro. Tanto meno conosce la messa a fuoco automatica. Ma poi in realtà, si va veloce: calcoli la distanza, imposti messa a fuoco e diaframma. carichi la pellicola, aspetti il click, carichi l’otturatore, punti e infine, nel frattempo sono passate due ore circa, scatti… a un’altra cosa che la precedente se ne è andata.

No scherzo, dopo le prime incertezze, si va quasi in automatico. La macchina reagisce pronta, quasi meglio della fuji. Non esiste lo stand-by, esiste il : ricordati di mettere a fuoco.

 

Piaceri infiniti.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, vintage

C’era una volta il digitale. Digit uber alles.

Ma anche no. Il piacere é toccare, attendere, soprattutto attendere. E nel frattempo cerchi una soluzione, una via per trasformare la foto anche in quel digitale necessario ormai per condividere con gli amici, ma soprattutto per condividere la gioia di un processo che è stato snaturato e che ha trasformato una magia in qualcosa di abusato senza sentimento.

Non stò più nella pelle, sono riuscito, dopo tentativi infiniti, delusioni, soldi buttati!

 

Altix V

Pubblicato il Pubblicato in Blog, fotografia, vintage

Data immissione: 1956/1957

Dalle grafiche, vedo che la sua presenza sul mercato e’ stata di un anno, quindi, se non ci sono errori, ho in mano un gioiellino del 56.

Di elettrico, neanche l’ombra. Il selettore della sensibilità serve solo come promemoria per ricordarsi la procedura di esposizione. Tradotto, anche una cosa scritta con la vernice sarebbe andata bene.

Piccola e fatta di ferro, funziona, anche se ci ho impiegato un po’ a capire come si carica. I passaggi sono due: prima si posiziona la pellicola girando una manopola, poi si sposta una leva e la macchina scatta. Nel vano pellicola un ingranaggio porta in avanti il contatore (ad azzeramento molto manuale). Siamo abituati troppo a gira una leva, pronto. Con questa, se vai di fretta, devi averne tre o quattro cariche e settate, altrimenti: NONSIPUO’.

Caricamento: Leica style, ovvero, sganciando il fondello e alzando lo sportello con il premi pellicola. Poi, su di un piede solo, voltato dall’altra parte, si mette la coda della pellicola nel rullo vuoto, si infila il tutto e ci si accerta che l’ingranaggio del caricamento sia in corretta posizione. Una vola pronti, chiudere il pressa pellicola, salare, pepare e oliare quanto basta e fissare nuovamente il fondello.

Obbiettivo: Tessar 50/2,8 piccolissimo. Microscopico, direi.

La macchina e’ a otturatore centrale, quindi, per i canoni moderni, la velocità di sync dei flash (ovviamente col cavo) e’ a qualsiasi velocità.

Slitta porta accessori, presente, ma senza contatto caldo.

Puntamento, telemetro e messa a fuoco: Punti, a occhio regoli la messa a fuoco, a occhio regoli l’esposizione, a occhio regoli l’occhio, punti guardando in un buchino talmente stretto che la luce ci passa a fatica e se hai manico, fai una buona foto, altrimenti… lacrima.

Ora tocca provarla.

http://deprofi.de/altix/altixv.html
http://www.collection-appareils.fr/Timeline/frise.php?Marque=Eho%20Altissa
http://www.cjs-classic-cameras.co.uk/altix/altix2.html#v