L’anima del Pendolare

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, in giro, in treno

Giusto perché stamattina, una delle mie coscienze, chiamiamola così, che ha dei bellissimi occhi e un lavoro da schifo, mi ha messo sotto il naso, o meglio su whatsapp, un’immagine che non vedevo da tempo, diciamo pure 11 anni. Non la ricordavo, sommersa chissà dove. E da li’ un susseguirsi di ricordi, di considerazioni e di totali. Lasciamo perdere i totali, va.

E ti rendi conto di essere diventato un Pendolare anche nel DNA. Puzzi di Pendolare, profumi di Pendolare, anche dopo esserti affogato nella doccia.

Anche se sei in un’altra città, nemmeno italica, ai confini dell’Europa e del continente, fai sempre la stessa identica cosa: continui a prendere un treno. Continui a guardare gli orari e verificare biglietto o abbonamento. Un bellissimo treno verde rigetto, di quelli usati dai Pendolari, che dal centro città ti scarozza verso una delle comunità marinare con tanto di cambio in mezzo al niente più assoluto.

Insomma, Pendolare diventi e Pendolare Resti. Pendolare sei.

Per l’eternità.

data: Anno Domini 2008, Febbraio

Località: Dublino

Tempo: freddo, piovigginoso, adatto alle uscite e ai picnic

L’attraversamento dei Morti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, in giro, in treno, pensieri

Eppure di gente spappolata ne abbiamo già sentito spesso.

L’ultima una ragazza presa da un treno pochi giorni fa, non lontano da qui. E non è la prima, nemmeno nel breve periodo. E visto l’andazzo, non sarà nemmeno l’ultima.

Ma forse la memoria è labile, forse la memoria è solo a breve termine, forse la gente è distratta da altro, forse alla gente piace il rischio o la dimostrazione di sana stupidità. Forse l’umanità sta cercando ogni modo per autodistruggersi.

Di certo, attraversare in questo modo i binari, solo per risparmiare venti scalini e pochi secondi, è una bella partita: idiozia 2, pirla 0.

Qualcuno potrebbe obbiettare.

Probabilmente i cassamortari sono di tutt’altra opinione e sono pronti a raccogliere quel poco che resta quando qualcuno viene spalmato nei successivi chilometri.

E, da persona che ha visto tirare su con una penna, resti umani spappolati dopo che un treno ha macinato tutto il macinabile, ogni considerazione è tendente al negativo.

A parte il rischio di farsi male, che si vedono scene che sarebbe doveroso riprendere, tanto l’elasticità delle persone coinvolte ricorda più una valanga di fango e pietre durante un lungo periodo di pioggia che gesta atletiche degne degli altari sportivi più alti; in caso di reale emergenza, ovvero “ARRIVA IL TRENO”, uscire da li, per tali atleti di alto livello è pressoché impossibile.

Del genere portate la pasta al dente, che il sugo è già bell’e pronto!

Vero, ma non sufficiente, una sola scala, nemmeno troppo larga con gente che scende e qualcuno che spintona per salire, che richiede un filo di pazienza più del solito, ma in fondo non è questa tragedia. Mi pare che una seconda scala fu proposta e poi bocciata, quando in realtà sarebbe auspicabile.

Ai voglia che senti news sulla Polfer che sta cercando di convincere le persone a non usare questo approccio, ma di fronte a tutta sta gente, manco la proposta di far fermare i treni al binario 1 mi sembra intelligente, tanto ci sarebbe qualcuno che comunque, vorrà attraversare gli altri, sempre e comunque. Ma morisse, così lubrifichiamo meglio le ruote.

Nel medioevo i rei di qualche illecito venivano esposti sulla pubblica piazza come monito. Forse potrebbe essere intelligente tornare a tali regole.

Cerchiamo di capirci

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Blog, in treno, pensieri
Sono io che ormai ho accumulato talmente tanta stanchezza che non mi reggo in piedi e come mi appoggio crollo da qualche parte, o e’ la stagione che aumenta il desiderio di letargo. Fatto sta’, che si dorme poco. Magari non solo io, ma resta il fatto che quello che dovrei fare di notte, lo sto facendo di giorno. Oggi, salito in treno, morto scoppiato da una parte. Per fortuna che l’orologio biologico e il controllore che azzecca sempre il momento giusto hanno per il momento messo un limite alle mie catalessi. Prima o poi arriverò in capo il mondo: aprirò gli occhi, imprecherò per un attimo e diro: bella l’aurora boreale, ma come ci sono arrivato? Ma siccome pare io non sia l’unico, da una parte mi conforta il fatto che il mondo si perderà addormentandosi prima della giusta fermata e proseguirà fino in alla fine dell’universo o fino a quando qualcuno, mosso da pietà, andrà li e con delicatezza fara: Oh, Oh, ma te voj sveja’!!! Vedi che semo arrivati da un pezzo e s’è pure scotta la pasta.