5.30 AM evvai

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, Le notti degli Unicorni, pensieri

Certo, non è proprio dormire in modo naturale, ma quello che conta è raggiungere lo scopo. E scopo fu. Nel senso che ogni tanto dormo anche io. Stanotte sogni di gloria, anzi no, non ricordo di aver sognato e semmai, sognando sicuramente qualcosa di compromettente, io non ero nei miei sogni, non ho visto niente, non c’ero. Sveliamo i segreti: Additivi, amici miei, additivi. Intanto quasi due bocce di vino rosso, Casale del Giglio aiuta tantissimo, porta brio, sbronza e rintronamento pre-crollo. E’ lo Shiraz colui che il miracolo fece. Quel bel liquido rosso sangue, profumato, che una volta messo […]

4.30 sintomi di follia

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, Le notti degli Unicorni, pensieri

Seconda notte a contare infiniti greggi di pecore, bianche, nere, pezzate, viola. Conto pure le mucche.  Numeri infiniti per dire che dormire è una chimera. Un desiderio lontano che non si fa prendere. Il drago. Rhaegal o Drogon. Cerchi di leggere, ma non c’è nulla che ti attragga. Nulla che dia un senso a questa notte inutile. Inutile come tante. Provi a guardare allora un film. Niente, la mente viaggia, troppo veloce per starle appresso. È un gioco senza vincitori. Sì crolla e basta. E adesso che la notte finisce, tiro le somme e sento la testa fare bumbum. Qualsiasi […]

2.30 E’ qui la festa?

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Blog, Le notti degli Unicorni, pensieri

Pensavo a come giocare con quel perizoma. Nella mia testa marcia si era formato quel racconto e ogni dieci minuti si aggiungevano dei particolari. Un perizoma azzurro, piccolissimo, l’unico che in questa notte ha il diritto di accarezzare quelle curve fantastiche. Quel libro mi sta segando la testa. Patrizia, scrivi proprio come piace a me. Fare un corso di scrittura creativa mi sta solleticando i neuroni. In mezzo,  pensieri circa il mappale che l’architetto non mi ha ancora mandato e di cui ho necessità entro poche ore. Notte fonda, io, me stesso e l’unicorno. Riunione. La signora dorme profondamente, ha […]