Manca

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, pensieri

Due amici importanti mi hanno raccontato di ieri. O meglio, per il momento uno, con l’altro ancora devo riuscire a scambiare quattro chiacchiere. Facciamo cinque, possibilmente con una birra o un Martini Spritz davanti, che l’ugola si scioglie e le note volano.

E ritornano alla memoria momenti ormai lontani, lontanissimi: Capocotta, Settimo Cielo, Zagaja.

Un periodo splendido. Mi manca terribilmente.

Un piccolo passo per me

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, pensieri, vintage

Un gran casino per l’umanità.

Bene, un altro piccolo passaggio, con relativi pastrocchi – devo ammetterlo – lo abbiamo portato a compimento.

Prima vittima, una LomoChrome Purple, poraccia, finita di esporre ieri mattina.

Termometri fissati a 38 gradi, che per tener costante questa temperatura ho venduto anche l’anima di alcuni miei amici a non so chi.

Abbiamo Sviluppato la nostra prima pellicola a colori.

E qualcosa pare pure che sia venuto fuori.

Ora la bimba è stanca, sta asciugando in bagno.

Nel frattempo metto su carta pensieri e sensazioni. Intanto devo organizzarmi meglio per evitare le cazzate. Alla fine dello sviluppo ho versato il trattamento colore nella sbianca contaminandola completamente….

E non contento, dopo un paio di ore, fatto uno fatto tutti, ho sviluppato pure un secondo rullo.

Per non deludere il nostro pubblico, ho fatto altri casini; stavolta ho fatto colare dalla tank una litrata di soluzione. Pulito anche con la lingua.

Alla fine della festa, ho sviluppato due rulli: una Lomo purple esposta a 125 e una Kodak 200 color. Entrambe pellicole colore negative.

Nel frattempo la mia testa se ne andava a spasso. Lei viaggia sempre, ma ho il mio angolino dove farla stare buona. Come al solito penso… Troppo. Devo prendere un biglietto per milano. Ci sono due posti che devo assolutamente vedere.

Prime considerazioni: , rispettando le temperature che resta sicuramente la fase che richiede più attenzioni, il resto della partita e’ semplice, veloce e rapido. Vediamo come va avanti.

Altre considerazioni, tenere la temperatura a 38 gradi fissi, in questa stagione, fa sudare pure di notte. Parecchio.

Terzo: si vede che il c41 è un processo nato per l’automazione. Tutto standard, tutto rigido dall’inizio alla fine, adatto a un uso industriale più che domestico.

Smalltown boy – Bronski Beat

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, Le notti degli Unicorni

You leave in the morning

With everything you own

In a little black case

Alone on a platform

The wind and the rain

On a sad and lonely face

Mother will never understand

Why you had to leave

But the answers you seek

Will never be found at home

The love that you need

Will never be found at home

Run away, turn away, run away, turn away, run away

Run away, turn away, run away, turn away, run away

Pushed around and kicked around, always a lonely boy

You were the one that they’d talk

about around town as they put you down

And as hard as they would try they’d hurt to make you cry

But you never cried to them, just to your soul

No, you never cried to them, just to your soul

Run away, turn away, run away,

turn away, run away (Crying to your soul)

Run away, turn away, run away,

turn away, run away (Crying to your soul)

Run away, turn away, run away,

turn away, run away (Crying to your soul)

Run away, turn away, run away, turn away, run away

Stasera stiamo cosi’.

Il treno di oggi, l’aria di oggi, il caldo di oggi, il mio stato d’animo di oggi.

Guardare i binari correre, le stazioni fare a gara prima di casa. I tanti pensieri che orbitano nella mia testa. Cercare al volo sul tubo e trovare in un attimo ciò che volevo. Il video che ha fatto storia e la sua musica che ancora viaggia nella mia testa affollata.