Blogfotografiain giro

Ciclisti

Porta maggiore. Un po’ di tempo fa.

Sto andando a lavorare.

Arriva un Ciclista. Bici di alta gamma, carbonio, tutina sexy, muscolo tirato, caschetto da gran runner, ghigno notevole.

Lui non ha mai subito l’onta della sconfitta. Lui è il divino sceso in terra a insegnarci come si adora un dio.

Se mai partecipasse a un Giro importante, metterebbe in cattiva luce qualsiasi campione.

Da dietro spunta, tra le macchine in fila, una graziella. Signorotta anziana, grembiule svolazzante con macchia di sugo bene in evidenza, ghigno da matrona romana. Il killer che nessuno vuole.

Lo brucia in tre metri. Forse meno, forse qualcosa di più. Ma non importa. L’onta ormai è stampata a fuoco.

Lui, faccia da cazzo, di chi non si aspetta tali figure di merda.

Supportami.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.