Blogpensieri

Pensare

Pensare fa male.

Sto pensando a Willy, sto pensando a EzioBosso.

Ci ha pensato PropagandaLive a farmici pensare.

Due figure lontanissime ma accomunate in qualche modo dalla tragedia, una sociale che ha infierito su un ragazzo uccidendolo, l’altro fisico, quella della malattia che lo ha ridotto un grande musicista alla larva di se stesso fino a ucciderlo.

Accomunati dicevo dalla tragedia e dalla ricchezza di entrambi, il primo giovane, impegnato, vitale con un futuro tutto da scrivere, l’altro eccelso musicista in grado di emozionare anche i blocchi di ghiaccio del polo Sud.

Gaia e Camilla, i tanti nomi anonimi che ogni giorno passano dalla felicità alla tragedia in un secondo. La ragazza morta per una tromba d’aria a Fiumicino il cui ricordo si rinfresca ogni volta che passo in quella zona ormai rimessa a nuovo ma che la testa non dimentica e l’archivio sottolinea.

E sullo sfondo una misera considerazione: quanto è facile perdere tutto quello per cui si pensa di vivere, per cui si progetta il proprio futuro, su cui si basa il proprio passato, in un attimo brevissimo. In un misero istante che decide chi deve vivere, chi deve andarsene.

Supportami.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.