4.30 sintomi di follia

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, Le notti degli Unicorni, pensieri
Seconda notte a contare infiniti greggi di pecore, bianche, nere, pezzate, viola. Conto pure le mucche.  Numeri infiniti per dire che dormire è una chimera. Un desiderio lontano che non si fa prendere. Il drago. Rhaegal o Drogon. Cerchi di leggere, ma non c’è nulla che ti attragga. Nulla che dia un senso a questa notte inutile. Inutile come tante. Provi a guardare allora un film. Niente, la mente viaggia, troppo veloce per starle appresso. È un gioco senza vincitori. Sì crolla e basta. E adesso che la notte finisce, tiro le somme e sento la testa fare bumbum. Qualsiasi suono mi da fastidio. Un disgusto continuo a qualsiasi vibrazione.