Your Blue Velvet

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, pensieri

Se qualcuno si fosse domandato chi era quella Patrizia di cui parlavo stanotte, eccola qui. E’ lei la colpevole di parte di cui ho scritto stanotte. Colpevole sia per gli argomenti, ma soprattutto per il modo di scrivere. Diretto, Piacevole, Personale. Tirati dentro in quello che sta succedendo, guardoni autorizzati a godere di quello che succede. Non è più Lei solo Lei, ci siamo anche noi dentro la storia, a toccare con mano quello che succede, qualche volta da molto molto vicino, altre più distanti, discreti, ma sempre li’ pronti a prendere briciole di passione.

 

Un libro

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Blog

Un libro, soprattutto un certo tipo Libro, dovrebbe essere fatto decantare come un buon vino. Scartato di corsa, appena ricevuto, non ha lo stesso sapore di quando, giorni dopo, settimane dopo, lo si prende, con timore, con gli occhi di un bambino e lo si respira fibra per fibra, senza fretta, facendolo proprio in un momento.

Come ti segno il libro

Pubblicato il Pubblicato in Blog, in giro

Ok, ognuno ha il suo modo per tenere il segno, chi usa una matita, che ha un segnalibro acquistato, tagliato, recuperato da qualche parte, chi fa la linguetta alla pagina, chi ci mette in mezzo qualche cosa, chi usa la sovra-copertina quando c’è, ma oggi ho visto superare tutto questo. Un passo avanti nell’evoluzione della lettura. Chiamiamola Lettura 10.0 release 99.x. Questo e’ il futuro.

Tipo sul tram, tranquillo, isolato dal resto del mondo. Un cerotto sul dito. Legge un pezzo (PEZZO) di libro. Concentratissimo. Mi molla un’occhiata distratta. Normale quando negli stretti spazi di questo mezzo assurdo, ti ritrovi uno che praticamente ti si appollaia addosso. A libro, o cià che ne resta, mancano le ali, le copertine, capitoli interi.  Ne rimane solo un pezzetto, piccolo, strapazzato.

Sto un pò ad osservarlo, voglio capire e capisco, anzi vedo: ogni volta che il tipo finisce una pagina, la strappa. Se e’ da girare, la gira, la legge, la piega e la mette sotto, poi prosegue col foglio successivo. In pratica, legge la pagina di destra, – avete presente come si legge un libro, si? –  la strappa, la gira, legge quello che una volta sarebbe stata la pagina di sinistra, piega e via, sotto alla successiva.

nel giro di una ventina di minuti, ha staccato 6 o 7 pagine…. un libro che si è consumato come una candela.

Ho visto già riti vodoo.