Con l’umore attento

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, pensieri, vintage

Male, male.

Ho dei giorni che è meglio che non abbia tra le mani alcunché, ancora meno, uno dei miei attrezzi fotografici.

Ho bisogno di equilibrio.

Oggi l’ho smarrito e la OM-PC ci ha rimesso la salute volando contro un muro.

Con lei gli scatti provati in notturno all’eclisse tanto atteso.

Serata partita male, oggi nervosismo a paletta. Alla fine ho sbroccato.

Fortuna che la pellicola con la foto di Alessandra era già in sviluppo.

Olympus OM-PC

Pubblicato il Pubblicato in Blog, fotografia

Benvenuta in famiglia

Dopo una piccola sudata perché non riuscivo a capire perché lo specchio non scendeva e con le batterie a disposizione non c’era segno di vita, et voilà la new entry.

Intanto, mi sa che senza batterie non si batte chiodo. Macchina manuale, con prioritò di diaframmi e programmata.

Effetto plasticoso: parecchiuccio. Con i suoi annetti, le parti esterne, danno l’impressione di essere state usate anche per acchiappare le mosche. Quella tipica sensazione di appiccicaticcio.

Niente tasto di accensione: Giuro non c’e’. La macchina va in standby dopo un po.

Stranezze: non cercate la ghiera dei tempi sulla parte superiore, non c’e’.  E’ sul frontale, esattamente intorno al bocchettone dell’obbiettivo. Stranezza interessante, ma gustosa: con la stessa mano, prima mettete il diaframma, poi i tempi, e con l’altra mano, ‘gratteteve fortemente le ….le’ (ooops, liberamente ispirato dal video Trecento di Marco Papa).

Dentro non ci sono i pulcini, otturatore in tela, come al solito.

Batterie: LR44.

Particolarità: ha il lettore di codici DX

Nota: presa su una bancarella, dove ho pescato a piene mani tra la ferraglia.

Manuale: disponibile.