Giorno Trentuno

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, pensieri

Rocco Schiavone. Ecco, oggi lo dedico a questo personaggio che è entrato nella mia memoria e non ne esce. Il personaggio, il suoi trascorsi, il suo mondo e la sua espressione. Aggiungo, la musica che accompagna il suo divenire sullo schermo. Tutto insieme, un rullo compressore, che come poche altre Serie mi obbliga a rivederlo periodicamente e mi accorgo che è uno dei pochi casi in cui la mia attenzione è totale.

Come per il resto della settimana ho lavorato, seriamente, dico. Finalmente rimetto mano al rifacimento di alcuni moduli di una applicazione sviluppata anni fa che tutti criticano ma poi realizzano quanto è utile. Ho sempre detto di non essere un programmatore ma un sistemista, però sto coso funziona.

Venerdi Santo. Siamo a Pasqua.

Progettavo di partecipare a qualche manifestazione. Non ho mai visto una rappresentazione del Venerdì Santo da vicino. Ho fame di immagini, ma niente, pure il Papa a questo giro ha dovuto dare forfait e farselo da solo sto Venerdì Santo.

Oggi sappiamo che staremo sicuramente a casa fino a maggio. Ufficiale. Riparte qualcosina, ma briciole. Si continua a stare a casa. Devo spremere le meningi. Voglio sfruttare le mie poche capacità per fare qualcosa che mi appassioni e mi dia soddisfazione.

Per curiosità sono andato a vedere che fila potevo trovare al supermercato. E’ dietro casa mia, meno di duecento metri, quindi due li posso anche farli. Attrezzato come al solito, vado: se va bene, entro, altrimenti dietrofront. Dietrofront, una fila impressionante. Stiamo tutti a casa, manteniamo la mandibola bene allenata. Tocca anche fare sport, no?

Finita la settimana lavorativa ci si prepara a festeggiare questa strana santa Pasqua. Devo procurarmi un uovo. Domani lo covo.

Abbiamo finalmente saputo la data di pubblicazione dell’intervista. Ancora un po’ di pazienza, siamo quasi arrivati.

C’è chi comincia a prendere il sole in terrazza e la cosa ci piace anche se non mi piace il contesto. Per quanto lontano, me lo sento sempre addosso.

E per tenere su il morale, qualcosa di allegro stasera: Freud, gentilmente offerto da Prime. Promette bene.