Ottiche Canon prima di EF

Pubblicato il Pubblicato in Blog, fotografia

Attacco FL, quello di destra:

anni 60/inizi 70, possiede solo l’accoppiamento per la chiusura del diaframma. La lettura esposimetrica puo’ essere effettuata solo in stop-down

Attacco FD, ottica a sinistra:

piu’ evoluta del precedente, parte dal 71. Ha un secondo collegamento meccanico che informa la macchina sul diaframma utilizzato. In questo modo e’ possibile evitare la lettura col diaframma chiuso.

I due sistemi sono in parte compatibili, o meglio, ottiche FL, anche se con la perdita della lettura esposimetrica a tutta apertura, possono essere montate su attacco FD.

E ben si vedono le differenze costruttive e la crescente complessita dei meccanismi di accoppiamento.

P.es., oggio non lo sapevo. penso che le prime 10 foto scattate con la A1 + ottica 50FL siano una piu’ bruciata dell’altra.

Vedremo.

 

Canon EF

Pubblicato il Pubblicato in Blog, fotografia

Pesa un botto. Tutto vero ferraccio, compreso l’otturatore, che a differenza delle altre è in metallo con scorrimento verticale.

Due vani batteria, non uno, ma non c’è attacco per il motore.

http://global.canon/en/c-museum/product/film88.html

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Canon_EF_camera

batteria: 2 x px625 (duracell 625)

E se ti dicono che l’analogico tira di nuovo?

Pubblicato il Pubblicato in Blog, fotografia

Ho finito una pellicola, minchia, col digitale, togli qualche immagine schifosa, ma col rullino no, dopo il 36esimo scatto, no, forse il 37, ma non sempre ci si riesce…. provi a fare click, e niente, non si scatta.

Cerchi un negozio, trovi uno con l’insegna ‘articoli fotografici’; entri, strano non vedi nulla di minimamente fotografico. Chiedi, pero’, pensi che al massimo una risposta negativa e il minimo che puoi ottenere…. e infatti, quello ottieni. La gentile fanciulla ti guarda come un mentecatto e ti dice: no, di fotografico non abbiamo niente. Ma come l’insegna? ehhhh quella, una volta, ora no.

Giri un’altro po’, e trovi un negozietto piccolino, FOTO c’e’ scritto sull’insegna. Entri, vedi una piletta di rullini da una parte. Ok, abbiamo azzeccato il posto. E le pellicole costano anche qualcosa di meno. Invece di prenderne una, ne prendo due. E tra una chiacchiera e l’altra, viene fuori che il mercato non e’ morto, anzi, ultimamente sta pure dando qualche cenno di miglioramento.

Una sorta di ritorno alle origini, lo scatto, l’attesa, lo sviluppo, poi si vedra’.

La cosa promette bene.