Ci lasci l’anima

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Blog, fotografia, pellicola

Non è proprio del tutto vero che quando scatti riprendi quello che entra nell’obbiettivo. No, non funziona così. Se vogliamo parlare di obbiettivo, o meglio, dove è puntato questo obbiettivo, allora parliamo di anima. Ogni volta che scatti, riprendi la tua anima, non il soggetto che hai davanti. E più passa il tempo, più mi rendo conto che è così. Tanto più la foto si allontana dallo stereotipo della perfezione da cassetta tanto più avvicina lo spirito all’occhio. Mi dispiace per i puristi e per i ricercatori dell’assoluta perfezione che consumano anni nel tentativo di trovare il punto perfetto. Non […]

Torre Flavia, parte seconda

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog

La prima volta, quest’estate, avevo toppato di brutto. Sviluppo fatto a piffero di formichiere. Foto sviluppate a metà. Sto giro, complice un tempo infernale adattissimo al mio stato d’animo, sono tornato armato nuovamente con la Rolley e una Ilford FP4+ insieme alla sempre più fidata Minolta. Dicevo, tempo schifido, mare abbastanza arrabbiato, parecchio arrabbiato, con la spiaggia devastata e allagata. La Rolley non si è fatta dire di no. La spiaggia non c’è quasi più. Il mare, a questo giro si è mangiato quasi tutta la parte verso campo di Mare! Trenta metri mi ha detto una guardia. Tantissimo. Anche […]

Calcata, secondo me.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog

Calcata, un blocco di tuffo in mezzo ai boschi. Spunta solitario, abbandonato dai suoi vecchi abitanti rimpiazzati da artisti e creativi che hanno trovato il loro paradiso. Vale la pena perdersi, in questo paese silenzioso, dove la gente si ferma ancora a chiacchierare sulle scale della chiesa e scambia battute con chi passa. I gatti ti guardano sorgnoni, stirandosi pigramente al sole di una bollente estate. Piena di turisti di giorno, silenziosa e bella di sera, dove spiriti antichi ti tengono la lampada e ti spingono a esplorare ogni vicolo. Questa e’ la versione in bianco e nero. Mi ricorda […]