Metropolis

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, pellicola, vintage

La pellicola ha una magia che la rende unica. Si chiama attesa. Metti il rullo, parti, scatti, torni. E ora? Ora aspetti. La devi sviluppare, intanto. Che poi tu lo faccia presso un laboratorio o a casa non fa differenza: devi attendere!  Con una digitale avresti fatto presto, scatti, premi un tasto, ecco l’immagine; pochi istanti dopo lo scatto è già pronta per essere consumata.  Non c’è stacco, non c’è distanza. Non c’è ricordo. Con la pellicola le sensazioni cambiano. Oggi scatti, chissà quando vedrai il risultato. Ho due pellicole ferme di là da qualche giorno, attendo la terza ancora […]

Lavori in corso

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, in giro, in treno, minchiate

Ci siamo. Dopo mesi di annunci e avvisi, ci siamo. E’ arrivato il momento. Sono cominciati i famosi lavori sul ponte lungo la linea che mi porta da e verso casa. Quindi linea interrotta, navette e treni fuori orari. Una meraviglia. Cominciamo dall’inizio che poi ridiamo alla fine. Vi ricordate il Galaxy Express? Bene, non c’entra nulla! Il ponte sul fiume Kwai? Uguale. C’è un ponte da rifare. C’è tutto da rifare. Lo dicono sempre pure i politici. Uscita di casa alle 6.45, arrivo in stazione. Sulla banchina i soliti che ci dormono da ieri. Attraverso la stazione, Navetta. Visto […]

Notti di pellicola (pensieri svincolati di un pendolare)

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Blog, fotografia, Le notti degli Unicorni, pensieri, vintage

Apparenza. Vedere, sentire, toccare, respirare, assaporare: questo è il vero segreto; che tutti i sensi partecipino alla festa. Passi le serate a sviluppare rullini, a giocare con gli acidi che magari ti viene voglia anche di prenderne una sorsata; fa caldo, un po’ troppo.Ormai per raffreddare e portare l’acqua alla giusta temperatura usi i ghiaccioli. Studi soluzioni.Cerchi modi per migliorare la qualita’ di questi negativi.Approcci soluzioni diverse, con tempi e metodiche diverse. Agitare tre volte, alzare il piede sinistro, sollevare la mano destra e dire: un caffè!Prendi appunti a ogni passaggio; il terrore di perdere memoria degli esperimenti fila sottile. […]