Tanti luoghi

… e poco tempo per visitarli tutti.

Ogni luogo racconta una storia.

Luoghi famosi, nascosti, lontani e dietro l’angolo. Vorrei andare ovunque per sentirne l’anima parlare.

Ogni giorno nuovi spunti e vecchi ritorni. Desideri nati nella mia testa o messi sul piatto dalle persone vicine.

Un articolo di giornale, una foto, un libro, anche uno spot pubblicitario bastano ad accendere la scintilla.

Vediamo dove potremmo andare domani mattina:

Lucca, Siena, L’Aquila, Dolceacqua in Liguria, Milano dove vorrei vedere l’ultima cena. Sempre a Milano, il bar Jamaica. Genova, le cinque terre, ma d’inverno. Venezia bis, di nuovo di notte, ma anche di giorno ma lontano dai periodi turistici; anche sotto l’acqua, diversa. E sempre a Venezia la libreria Acqua Alta. Reggio Emilia la dove i murales regnano. Le Marche, o meglio le mie origini marchigiane. È da tanto tempo che non vado e le origini mi stanno chiamando sempre più forte. Le sento quasi urlare.

E oltre i confini nazionali?

Parigi, la tomba di Gerda… tutto sommato, con 100/150 euro in una giornata ce la faccio e ne varrebbe anche la pena.

Canon, stay Tuned, we have jobs for you.

Mauro.