Categorie
Blog

E ditelo!

Alla fontanella, per sciacquare i bastoncini, un ciclista allarmato,intento nella pulizia della sua bici, mi guarda e fa: hai la faccia coperta di sangue, che ti è successo? Fai attenzione.

Perche’ stargli a dire che ho seguito i sentieri dei cinghiali pur di trovare una soluzione al fatto che il percorso che avevo in mente di fare era interrotto per una frane che si è portata via un costone di parete costringendomi a tentativi vari tanto che il GPS ha bussato chiedendo quale fossero le mie intenzioni?

A proposito di bici, a pensarci bene, quando tornavo io, la biga era grosso modo un blocco informe di fango con un qualcosa che si muoveva sopra altrettanto informe e sporco. La bici non va lavata, va leccata!

Torniamo a noi; Il problema di base è che i cinghiali sono più bassi di me, larghi uguali e dopo ore di cammino, profumati uguale. Io non ci passo attraverso i loro varchi se non lasciando pezzi di me stesso come ricordo.

In origine dovevano essere solo 8 chilometri. Alla fine sono diventati 12. Insomma, ho fatto qualche avanti e indietro più del dovuto. Due passi in più.

Partenza: Kaisra, o per meglio dire Caere! Per la precisione, Porta coperta!

Viaggetto col Tardis.

Fine: Se il Signor Marchese Patrizio Patrizi di Giovanni vuole, arrivo 3 ore e mezzo dopo la partenza innanzi la sua meravigliosa magione, in quel di Castel Giuliano e si ritorna quindi alla storia della fontanella.

Nel mezzo un po’ di tutto:

un guado (nulla di trascendentale, non ho guadato il Gange, per intenderci),

3 cascate una più bella dell’altra,

2 cascate saltate causa frana (che richiederà un ulteriore giro con correzione per giungere al top di 5 cascate tutte assieme),

1 incontro ripetuto a iosa con degli scouts con cui ci si divideva il percorso tra un passaggio e l’altro; mi guardavano proprio strano: avranno visto un cinghiale con due gambe e uno zaino?,

X gente a passeggio con figli e cani (quest’ultimi più educati dei primi: un bau almeno te lo fanno, gli altri un saluto manco morti che non c’è cosa più bella tra gente che va per campi),

X ciclisti, con le E-Bike (bleah, discorso improponibile vederli ansimare alla minima salitella solo per avere una bici con i chili di batterie in più totalmente lontani dal vero discorso di andare in bici per fossi).

X^10 cinghiali, non visti, ma a giudicare dalle tracce, presenti in ottima e abbondante numero.

NON HA PREZZO: per tre ore e mezzo il cellulare non ha visto la benché minima ombra di segnale.

Insomma, mattinata spesa bene. Poi, pomeriggio, ho finito di tagliare il prato.

Come potete immaginare, ho fatto un’uscitella di trekking, la prima dopo anni e anni. Zaino, borsa idrica, bastoncini, scarpe adatte e via a camminare.

Il progetto Genesis continua.

Ok, ho fatto lo sborone, ma tanto non vi dico cosa ho in mente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.